(+39) 06 76900601 info@marinostudio.it

La percezione dei sapori tramite le papille gustative è fondamentale per trasmettere ed elaborare nel cervello il piacere del gusto, quando ingeriamo alimenti. Immaginate di dovervi alimentare senza percepire alcun sapore, il fastidio ed il disagio sarebbero probabilmente enormi.

Ci sono alcune condizioni in cui il gusto può essere alterato o, in casi più gravi, totalmente assente: in quel caso la patologia si chiama Ageusia.

sintomi dell’ageusia sono abbastanza semplici: non si riesce più a percepire il sapore di un alimento o di una sostanza posta a contatto con la lingua.

A meno che non ci sia una lesione irreversibile del nervo linguale, le altre cause che possono portare ageusia temporanea possono essere:

  • Reflussogastroesofageo;
  • Bruciatura sulla lingua;
  • Depressione;
  • Alcuni trattamenti medici come la radioterapia;
  • Alcuni farmaci o collutori alla clorexidina;
  • Alcune malattie degenerativedel cavo orale, malattie ormonali o la sindrome di Sjögren

 

Spesso in ambito odontoiatrico si prescrivono collutori con un battericida per il cavo orale “clorexidina” e l’uso prolungato di tale presidio medico ha come effetto indesiderato proprio l’alterazione del gusto e della percezione dei sapori della lingua.

Il vostro dentista o il vostro igienista possono quindi consigliarvi alcuni farmaci per aiutarvi con questo disagio, spiegarvi il corretto utilizzo di alcuni collutori; in tal caso basta sospenderne l’utilizzo o analizzare insieme cattive abitudini alimentari.

Se il sospetto persiste, il medico potrebbe richiederti di eseguire esami più approfonditi, come ad esempio:

  • Gustometria chimica: l’esame permette di valutare i quattro sapori elementariutilizzando sostanze dolci, salate, amare e acide sulla lingua;
  • Elettrogustometria: in questo caso le sensazioni gustative vengono scatenate da piccole scariche elettriche sulla lingua.
  • Biopsia delle papille: si effettua prelevando una piccola quantità di papillegustative
  • Olfattometria:viene testata la capacità del paziente di rilevare gli odori presentandogli delle sostanze odoranti sempre più diluite.

 

Se la causa è imputabile ad una mancanza di saliva come nella sindrome di Sjogren sopracitata, si può ricorrere alla saliva artificiale sotto forma di spray o a delle pastiglie idratanti del cavo orale, oppure a degli stimolanti della salivazione.

Purtroppose la causa è una lesione nervosa o l’invecchiamento l’ageusia può essere irreversibile.

 

Dott. Luigi Sensi